Capitolo

Il Capitolo dei Canonici della Patriarcale Basilica di San Marco Evangelista in Venezia ha la sua Lex fundationis canonica nella Bolla di Papa Pio VII Ecclesias quae del 24 settembre 1821 e successiva integrazione di Papa Giovanni XXIII del 29 agosto 1962.

Il Capitolo è costituito dai Canonici effettivi in numero non superiore a quattordici. I Canonici prelati, durante munere, sono Protonotari Apostolici Soprannumerari per privilegio concesso da papa Pio IX con la bolla Romana Ecclesia (3 luglio 1860).

I Canonici onorari, ordinariamente non più di nove, sono nominati direttamente dal Patriarca, sentito il Capitolo, tra i sacerdoti diocesani.

Sono inoltre Canonici onorari durante munere i Parroci Arcipreti di Caorle, di Malamocco, di Gambarare, di San Pietro di Castello, di Torcello, di Eraclea, di Jesolo e di Grado.

A servizio della Basilica, oltre i Canonici effettivi, vi sono i Cappellani corali in numero non superiore a quattro.

I Canonici effettivi ed i Cappellani corali vengono nominati dal Patriarca, sentito il Capitolo.

L’Arcidiacono, prima dignità e Praeses del Capitolo, l’Arciprete, seconda dignità, e il Canonico Penitenziere vengono nominati direttamente dal Patriarca

Ai Canonici effettivi compete il servizio liturgico nella Basilica, in special modo con la celebrazione della Santa Messa conventuale e la preghiera corale della liturgia delle ore, in ciò coadiuvati dai Cappellani corali.

Il Capitolo dei Canonici è così composto:

Meneguolo mons. Antonio – Arcidiacono

Camilotto mons. Giuseppe – Arciprete

Gallina mons. Marino – Penitenziere

Barbaro mons. Orlando

Barlese mons. Danilo

Marchesan mons. Giacomo

Pagan mons. Angelo

Pistolato mons. Dino

Sambin mons. Sergio

Senno mons. Antonio